Al via Resto al sud, prestiti con il 35% a fondo perduto per le nuove imprese del sud Italia

I giovani del sud Italia potranno beneficiare di un finanziamento fino a 40.000 euro a tasso zero, con il 35% dell'importo a fondo perduto.

Andrea Pastore 10/08/2017 0

Pronta la nuova misura di sostegno alla creazione e sviluppo di imprese nel sud Italia, si chiama Resto al Sud e ha l'obiettivo di promuovere la nascita di nuova imprese nelle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sicilia e Sardegna guidate da giovani imprenditori di età compresa tra i 18 ed i 35 anni. Le iniziative finanziabili sono quelle relative alla produzione di beni nei settori dell’artigianato e dell’industria, nonché le iniziative relative alla fornitura di servizi ad esclusione delle attività libero professionali e del commercio, fatta eccezione per la vendita di beni prodotti nell’attività d’impresa.

Le domande di accesso agli aiuti potranno essere presentate da giovani imprenditori, sia come ditta individuale che società, anche cooperative. Ciascuna impresa richiedente beneficerà di un finanziamento di importo massimo pari ad € 40.000,00. Nell’ipotesi in cui a richiedere gli aiuti dovesse essere una società, l’importo finanziabile è pari ad è pari ad € 40.000,00 per ciascun socio, fino ad un massimo di € 200.000,00.

Il 35% dell'importo erogato è, come detto, a fondo perduto, mentre la restante parte verrà ottenuta tramite finanziamento a tasso zero, da restituire in 8 anni, ed erogato tramite il sistema bancario, con il beneficio della garanzia pubblica, attraverso apposita sezione del Fondo di Garanzia per le PMI.
 
I primi di settembre saranno inviduati i criteri di dettaglio per l’accesso alla misura, nonché le modalità di partecipazione. Restate sintonizzati!

Potrebbero interessarti anche...

Giulio Del Vecchio 07/11/2017

Si parte con il bando Intraprendo: nuove opportunità di finanziamento per le startup lombarde

Con Intraprendo la Regione Lombardia e Finlombarda S.p.A. si sono unite per favorire avvio e sostegno di nuove iniziative imprenditoriali lombarde, con particolare attenzione a under 35 o over 50 senza lavoro e a imprese con elevato contenuto tecnologico, il bando si incentra sul rafforzamento della capacità competitiva delle micro, piccole e medie imprese promuovendo processi di innovazione produttiva, promuovendo competenze tecnologiche.

Leggi tutto

Antonella Santoro 23/11/2021

Resto al Sud si amplia aprendo anche alle attività commerciali e ad alcune località del Centro Nord

Resto al Sud intende offrire alle realtà imprenditoriali e ai liberi professionisti opportunità concrete per iniziare un’attività sul territorio. Resto al Sud è ormai operativo da diversi anni e si è aperto sempre di più, facilitando le pratiche con requisiti sempre meno restrittivi. Ultima novità, recentemente diventata ufficiale, è la possibilità di richiedere il finanziamento a fondo perduto anche per aprire un’attività commerciale. Un ulteriore passo in avanti che viene ancora più incontro a chi desidera rimanere nel proprio paese e a costruirsi un futuro.

Resto al Sud nel corso degli anni ha coinvolto sempre più regioni, arrivando anche a valicare i confini dell’Italia Meridionale e coinvolgendo località del Centro Nord. I finanziamenti messi a disposizione della misura, ammontano a 1 miliardo e 250 milioni di euro e, secondo dati aggiornati di Invitalia al 1 novembre, sono oltre 10.210 le iniziative finanziate, 432 milioni le agevolazioni concesse e 38.058 posti di lavoro creati. Le regioni coinvolte sono:

  • Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna, Sicilia
  • nelle aree del cratere sismico del Centro Italia (Lazio, Marche, Umbria)
  • nelle isole minori marine, lagunari e lacustri del Centro-Nord. In particolare:
    • Campo nell’Elba
    • Capoliveri
    • Capraia
    • Giglio
    • Marciana
    • Marciana Marina
    • Ponza
    • Porto Azzurro
    • Portoferraio
    • Portovenere
    • Rio
    • Ventotene
    • Isole della laguna veneta: Lido, Murano, Pellestrina, Burano, Sant’Erasmo, Mazzorbo, Vignole, Torcello, San Giorgio, San Michele, San Clemente, San Francesco del Deserto, Marzobetto, San Lazzaro degli Armeni;
    • Isole della laguna di Grado: Isola di Grado, Isola di Santa Maria di Barbana, Isola di Morgo;
    • Isole del lago d’Iseo: Monte Isola;
    • Isole del lago di Garda;
    • Comacina (lago di Como);
    • Isola d’Orta – San Giulio;
    • Isole del lago Trasimeno: Isola Maggiore e Isola Polvese;
    • Isole Borromee: Isola Superiore, Isola Bella, Isola Madre, Isola San Giovanni.

Resto al Sud prevede anche un limite d’età che ha subìto uno slittamento importante e che offre la possibilità anche a chi ha perso il lavoro di aprire un'attività in proprio: a partire dall'età minima corrispondente ai 18 anni, Resto al Sud prevede che si possa fare domanda per gli incentivi fino al limite massimo di 55 anni. Con la misura aggiornata, i fondi verranno elargiti per l’acquisto di macchinari e per i costi di gestione:

  • 50% di contributo a fondo perduto
  • 50% di finanziamento bancario garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI a carico di Invitalia e fino a 50 mila euro per ogni richiedente.

Il limite sale a 60 mila euro per le imprese individuali con un solo soggetto proponente e a 200 mila euro per le società formate da quattro soci.

Ad essere finanziate sono:

  • ristrutturazione o manutenzione straordinaria di beni immobili (entro un massimo 30 per cento del programma di spesa);
  • macchinari, impianti e attrezzature nuovi;
  • programmi informatici e servizi per le tecnologie, l’informazione e la telecomunicazione;
  • spese di gestione per un massimo del 20 per cento del programma di spesa.

Ovviamente sono escluse le spese di progettazione e promozionali, per l'attività di consulenza e per il personale dipendente. 

Per fare domanda si può andare sul sito https://www.invitalia.it/cosa-facciamo/creiamo-nuove-aziende/resto-al-sud 

 

Leggi tutto

Andrea Pastore 11/12/2016

Al via il nuovo bando TILT, acceleratore di Teorema

Parte il 12 dicembre la nuova call di  TILT (Teorema Incubation Lab Trieste), il digital hub per startup attive nell’information technology lanciato a marzo 2016 da Teorema, società di consulenza in ambito IT e digital transformation. Il bando in questione è

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...