Canapella, la pasta con tanti nutrienti in più

Finora mai nessuno aveva pensato di fare startup con la pasta, ma ora anche questa lacuna è colmata, grazie ai ragazzi di Canapella!

Andrea Pastore 19/11/2015 0

Una startup che si occupa di Food in eccezione di Pasta non si era ancora sentita. Tutto sommato è anche un po' strano, visto che l'italia è il paese della pasta, oltre che della pizza e di tante altre cose. Ma oggi a colmare questo vuoto arriva Canapella, che porta l'innovazione in un settore in cui innovare significava solo provare nuove combinazioni di gusti. Abbiamo fatto alcune domande a Roberto Lanna, fondatore di questa startup.

 

 

Com'è nata l'idea di Canapella?
Io sono laureato in farmacia, ma annoiato dal classico lavoro, decisi con non poche difficilta di intraprendere un secondo ciclo di studi in nutrizione umana. Qui iniziano a concretizzarsi le basi del mio progetto. Con il tempo ed il frequente contatto con persone e un atteggiamento realista ho capito che avrei potuto migliorare l'alimentazione di chi ama nutrirsi in modo corretto, sano e funzionale.

 

 

Gli studi in farmacia,e quelli in nutrizione, i test in laboratorio, il calcolo del fabbisogno e gli elementi composti mi hanno poi guidato verso questa nuova intuizione, dal sapore di sfida:

 

“Perché accontentarsi del solito piatto di pasta se possiamo avere un’alternativa che ci nutre di più? Scegliere Canapella significa privilegiare la salute"

 

 

E’ stato proprio il crescente interesse della popolazione verso uno stile di vita sano ed un’alimentazione equilibrata, nonché la divulgazione sempre maggiore di scoperte scientifiche in materia di alimentazione e tumori a mobilitare le coscienze verso l’acquisizione di un determinato comportamento a tavola. «Mangiare meno ma meglio. È questa la tendenza che si evidenzia analizzando le scelte dei consumatori,».

 

 

Come avete fatto le prime sperimentazioni?
L'obiettivo era cercare di ridurre l'indice glicemico della pasta ed aumentare le fibre, omega 3 e omega 6, le vitamine; Come primo passo abbiamo preso delle farine e ne abbiamo analizzato le proprietà, abbiamo scelto ad esempio delle farine vegetali biologiche, perché ricche di fibre .

 

Cosi e nato il nostro mix, con farina di Teff, Canapa,Semola e polvere di Moringa che contiene tantissime vitamine: il quadruplo della vitamina A delle carote, otto volte la quantità di vitamina C di un'arancia ed altre farine

Oltre a questo, abbiamo sviluppato delle tecniche differenti, per fare in modo che la pasta mantenga il più possibile le proprietà nutritive: la nostra pasta cuoce in pochi minuti, proprio per conservare le proprietà nutritive.

 

 

Quali sono gli obiettivi per il futuro?
Innanzitutto vogliamo sviluppare un mix gluten free, cosi da raggiungere quella fetta di mercato che oggi giorno e sempre più ampia. Altro obiettivo importante è raggiungere la grande distribuzione. Accanto a questi obiettivi “pratici” ne abbiamo uno più “filosofico”: invogliare le persone ad investire nel nutrirsi consapevolmente, a spendere di più per un prodotto che però garantisce benessere a lungo termine e un gusto alternativo alla comune pasta di semola. “Canapella” rientra nel gruppo di quelli che vengono definiti “alimenti funzionali”, in quanto concepita per proporre alle persone un’alternativa ai comuni sapori della pasta e per garantire, a chi la consuma, l’apporto giornaliero di acidi grassi essenziali Omega 3 6, Vitamine, Proteine vegetali di ottimo valore biologico , Fibre, e Sali Minerali.

 

 

Quando sarà possibile acquistare i vostri prodotti?
Saranno disponibili nei primi mesi del 2016, potete tenere sotto controllo il nostro sito www.canapellafood.it per sapere quando acquistare i prodotti.

 

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 23/05/2014

Looky games: si può fare un videogioco anche da soli

L'industria videoludica è uno dei settori che ha sofferto meno la crisi, e con grandi potenzialità di crescita. E se realizzare videogiochi per computer o ps3 ad alto livello è molto complicato e richiede la collaborazione tra tante diverse professioni diverse, realizzare un videogioco per cellulare può essere alla portata anche di una singola persona, purché abbia le competenze e la costanza di arrivare fino in fondo. Abbiamo intervistato Daniele Bianchini, fondatore di Looky Games, che ha da poco pubblicato il suo ultimo lavoro, Planet zoom 3d, realizzato quasi esclusivamente da lui.

Leggi tutto

Andrea Pastore 13/10/2014

Apio: la startup che permette di comandare gli elettrodomestici dallo smartphone

Tra i settori più promettenti per il futuro c'è quello della domotica, spinto anche da piattaforme hardware libere come Arduino che hanno reso più facile la realizzazione di molti prodotti, anche da semplici appassionati.

Su internet si trovano tanti progetti di dispositivi che automatizzano una determinata funzione, ma come fare per far comunicare due dispositivi? Magari per fare in modo che quando un dispositivo rileva una determinata condizione se ne accenda un altro?
Dei ragazzi marchigiani hanno creato un prodotto per soddisfare questa esigenza:

Leggi tutto

Andrea Pastore 18/02/2016

2Pay, la startup che ti permette di pagare col tuo numero di cellulare

Il segmento dei pagamenti mobile è uno dei più caldi del momento: tutti hanno capito che in futuro il cellulare sostituirà anche il nostro portafogli, e cercano di accaparrarsi più fette di mercato possibile. Oltre alle banche, però ci sono molti altri contendenti: Google e Apple in primis, che forti dei loro sistemi operativi per mobile cercano di diffondere le loro soluzioni, ma ci sono anche startup che invece di trasformare il telefono in un

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...