Hourse touring, la startup per fare passeggiate a cavallo

Degli appassionati di equitazione hanno approfittato dell'assenza di una piattaforma di riferimento per il turismo a cavallo e hanno creato un marketplace dedicato al mondo dell'qeuitazione

Andrea Pastore 17/01/2017 0

Da un po' di tempo assistiamo alla tendenza da parte degli startupper di esplorare le nicchie di mercato, per modernizzare settori finora trascurati e avere poca concorrenza. L'idea di cui vi parliamo oggi segue questa tendenza: si tratta di HorseTouring è nato con lo scopo di promuovere e far conoscere il  mondo del turismo equestre in Italia. Abbiamo fatto alcune domande a Cristian Bignami.

Ciao Cristian, com'è nata l'idea di Horse Touring?
L'idea nasce dalla passione per il mondo equestre. Le richieste di passeggiate per neofiti e semplici appassionati oppure i trekking per gli equituristi assidui, sono in forte aumento. fino ad oggi però, non era presente un vero e proprio punto di riferimento per il mondo del Turismo Equestre in Italia, completo di tutto e rivolto ad un pubblico Nazionale e Internazionale. Se da una parte, infatti, avevamo molti e validi soggetti promotori, ognuno con la propria comunicazione frastagliata e per questo limitata, dall’altra avevamo semplici appassionati o equituristi che, per lo stesso motivo, difficilmente ottenevano le informazioni utili e spesso con lunghe perdite di tempo.

Come funziona HorseTouring?
HorseTouring è un portale in grado di unire l’offerta e la sempre più crescente richiesta, fornendo enormi benefici ad entrambi, ottenendo un’adeguata e coerente informazione nella ricerca di soggetti promotori, che offrono servizi di equiturismo, ma anche di strutture dedicate al mondo del cavallo e al suo impiego per conoscere il territorio circostante.

Qual è il vostro modello di business?
In questo primo anno, dopo un periodo di prova completamente gratuito negli ultimi mesi del 2016, i nostri partners ( strutture ricettive, maneggi, guide equestri ) sottoscrivono un canone annuo variabile in base ai servizi offerti e a quelli a noi richiesti. Questo è stato scelto per non complicare ulteriormente il "rapporto" che i nostri partner hanno con la tecnlogia. Il nostro obbiettivo è quello nel 2018 di trasformare questo canone fisso in revenue sulle prenotazioni.

Quali sono i vostri obiettivi per il futuro?
Il nostro obiettivo principale è collegare i fruitori e i promotori di servizi inerenti al mondo equestre; fornire alla rete tutte le informazioni necessarie riguardanti le realtà che gravitano attorno al mondo del turismo equestre, agli appassionati del settore, ai circoli e alle associazioni, alle imprese locali, agli organizzatori di tour e alle strutture turistico-ricettive;
agevolare la possibilità di svolgere il turismo equestre con la certezza di servizi sicuri e di qualità, selezionati e recensiti dagli utenti del portale stesso; fare community, ovvero creare relazioni continue e dirette tra i fornitori dell’offerta, il nostro portale e gli appassionati del settore, siano essi Italiani o stranieri.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 28/12/2015

Tinkidoo, un nuovo metodo educativo per i bambini

L'avvento delle nuove tecnologie - dispositivi touch in primis - negli ultimi anni, ha rivoluzionato il mondo della didattica. Smartphone, tablet e compagnia hanno reso obsoleti lavagna e gesso, e la scuola ha dovuto adeguarsi con strumenti più al passo con i tempi come le lavagne elettroniche.
Ma la tecnologia offre tante possibilità di imparare in modo nuovo, ne sono un esempio prodotti come

Leggi tutto

Andrea Pastore 19/11/2015

Canapella, la pasta con tanti nutrienti in più

Una startup che si occupa di Food in eccezione di Pasta non si era ancora sentita. Tutto sommato è anche un po' strano, visto che l'italia è il paese della pasta, oltre che della pizza e di tante altre cose. Ma oggi a colmare questo vuoto arriva Canapella, che porta l'innovazione in un settore in cui innovare significava solo provare nuove combinazioni di gusti. Abbiamo fatto alcune domande a Roberto Lanna, fondatore di questa startup.

Leggi tutto

Andrea Pastore 28/07/2014

Il bed and breakfast ecologico: il b&b rivisto in salsa eco

Il turismo è uno di quei settori che sente meno la crisi e tante persone hanno deciso di aprire un bed and breakfast per incrementare le entrate familiari, oppure come attività a tempo pieno, dato che se si riesce ad avere un flusso di persone continuo può garantire introiti di tutto rispetto.
Da qualche anno per la sempre maggiore attenzione all'ambiente sono nati i primi bed and breakfast ecologici, per intercettare i turisti attenti all'ambiente anche durante le vacanze.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...