Il promettente business tra i fornelli

Blog di cucina, corsi di cucina creativa, locali originali... la food economy è uno dei settori più promettenti per il futuro.

Andrea Pastore 21/04/2014 0

Il settore culinario è oggi molto in auge nei media: basti pensare alla quantità di programmi tv dedicati alla cucina. Ed oltre alla tv, ci sono i libri, siti internet, canali tematici su youtube. Anche fuori dagli schermi di tv e computer la cucina resta un settore su cui puntare: tanti italiani fanno della loro passione un'attività, creando locali originali, o facendo corsi di cucina.

Aprire un blog

Per aprire un blog basta comprare uno spazio web (circa 20 euro all'anno) e installare uno dei tanti cms gratuiti presenti sul mercato. All'inizio le visite saranno poche, ma se si lavora costantemente aumenteranno e il blog potrà essere una fonte di reddito considerevole. Un blog può guadagnare vendendo spazi pubblicitari, maggiore è il numero delle visite giornaliere, maggiore è sarà la cifra che si può chiedere per un singolo banner. Oltra ai banner si potrebbe guadagnare anche vendendo prodotti, gadget e organizzando tante attività collaterali.

Aprire un locale

Nonostante la crisi e i tanti ristoranti che chiudono, c'è chi ottiene un grande successo: sono quei locali che si differenziano dalla massa, offrendo prodotti biologici, un ambiente originale oppure concept innovativi, come chi ha ideato i fast food con pochi piatti completi e naturali che variano a seconda della stagione.
Dato che in questo caso l'investimento è consistente questa scelta va ponderata bene: bisogna scegliere il posto con attenzione, analizzare la concorrenza ed elaborare un business plan.

Fare corsi di cucina

Insegnare a cucinare meglio può essere una professione: una delle cose più in auge del momento è il cake design, la realizzazione di torte artistiche. Per iniziare un'attività di questo tipo, oltre a saper cucinare, bisogna anche saper insegnare. Avere un blog potrebbe aiutare a farsi conoscere.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 27/01/2016

Il business della stampa 3D e uno sguardo sul futuro... a 4D

Da alcuni anni rappresentano una delle innovazioni più interessanti: hanno rivoluzionato il modo in cui si realizzano prototipi (la Ford ha stampato in 3d i prototipi del volante della Ford GT, e si prepara ad un utilizzo ancora più esteso), i sistemi di produzione di molti settori e nel futuro rivoluzioneranno anche la medicina grazie alla stampa degli organi. Ma non solo: grazie alle stampanti 3D abbiamo la possibilità di

Leggi tutto

Andrea Pastore 16/01/2020

Con Vinilificio la tua playlist ritorna sul vinile

Cd, dvd e soprattutto mp3, per non parlare dei flussi streaming, sembravano aver spazzato via tutto ciò che fosse "vintage" in campo musicale. Invece, soprattutto su impulso di Gran Bretagna e Stati Uniti, sta tornando di prepotenza in avanscoperta il caro, "vecchio", vinile.

Leggi tutto

Andrea Pastore 13/11/2018

Vendere prodotti fair trade: l'esempio di Vagamondi

Nel mondo capitalistico, si sa, l'etica non sempre la fa da padrone: spesso le grandi aziende nell'ottica di massimizzare il guadagno e di arrivare sul mercato a prezzi più competitivi possibile producono i beni che consumiamo ogni giorno in paesi sottosviluppati, dove il costo della vita è più basso e non ci esistono (o sono molto più blande rispetto all'Europa) tutele per i lavoratori, che vengono letteralmente sfruttati. Già dalla seconda metà degli anni 60 è nato il movimento del commercio equo e solidale, che ha come obiettivo la vendita di prodotti realizzati da aziende che garantiscono condizioni dignitose a tutti i lavoratori della loro filiera. La sensibilità verso questi tipi di prodotti cresce sempre di più, quindi perché non pensare di commerciare questo tipo di prodotti? Ne parliamo con Davide Bertelli, socio della cooperativa Vagamondi, distributrice di prodtti Fair Trade.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...