Looky games: si può fare un videogioco anche da soli

Abbiamo intervistato Daniele Bianchini, che ha da poco rilasciato il suo secondo videogioco, per farci raccontare il

Andrea Pastore 23/05/2014 0

L'industria videoludica è uno dei settori che ha sofferto meno la crisi, e con grandi potenzialità di crescita. E se realizzare videogiochi per computer o ps3 ad alto livello è molto complicato e richiede la collaborazione tra tante diverse professioni diverse, realizzare un videogioco per cellulare può essere alla portata anche di una singola persona, purché abbia le competenze e la costanza di arrivare fino in fondo. Abbiamo intervistato Daniele Bianchini, fondatore di Looky Games, che ha da poco pubblicato il suo ultimo lavoro, Planet zoom 3d, realizzato quasi esclusivamente da lui.

Com'è nata l'idea di fare un gioco?
Tre anni fa sviluppavo app per iPhone, una di queste richiedeva molta grafica. È così che mi sono reso conto che forse ero in grado di realizzare anche un gioco. Mi misi a lavorare al primo Planet Zoom, un gioco molto particolare con la grafica in stile vecchio film anni '30 in bianco e nero. Ho pubblicato Planet Zoom su iPad dopo circa un anno di lavoro, a settembre 2012.
Dopo alcuni mesi ho iniziato a lavorare al seguito, Planet Zoom 3D, con l'intenzione di realizzare un gioco più casual, adatto a qualsiasi dispositivo, ma comunque particolare e con grafica accattivante.

Hai esperienze pregresse nel campo dei videogiochi?
Precedentemente al primo Planet Zoom non avevo mai lavorato a videogiochi, sono un atuodidatta. La rete è piena di tutorial che aiutano molto.

Quanto tempo hai impiegato per realizzare Planet Zoom 3d?
Planet Zoom 3D ha richiesto circa sei mesi di lavoro, distribuiti su un anno. Per sei mesi sono stato con la mia società in un acceleratore di startup, li ho potuto lavorare poco al gioco, ma molto alla parte di organizzazione, marketing e business.

Hai realizzato il videogioco interamente da solo?
Si, ho fatto tutto io tranne alcuni elementi grafici e alcuni elementi 3D che ho fatto realizzare esternamente.

Quando hai cominciato a sviluppare il tuo videogioco avevi già le idee chiare su come strutturare la tua azienda?
Quando ho finito il mio primo gioco, Planet Zoom (circa 2 anni fa),ho creato la società grazie ad finanziamento della regione Lazio per le nuove aziende, ma mi mancavano molte conoscenze su come guidare un'azienda (ad esempio riguardo al marketing).
Poi ho partecipato alla Global game jam, dove ho conosciuto una persona dell'incubatore Luiss Enlabs, che mi ha proposto di partecipare alle selezioni per le nuove startup da accelerare. Ho superato le selezioni e ho partecipato al loro programma, è stata una magnifica esperienza. Ho imparato moltissimo e mi sono anche divertito, c'erano tanti altri ragazzi che come me avevano un'idea da far emergere.

Come sei arrivato ad ottenere la pubblicazione presso un publisher? Come trattano un neofita?
Ho presentato Planet Zoom 3D a diversi publisher riscuotendo in generale molto interesse. La maggior parte dei publisher che ho contattato ha risposto in poco tempo e con cortesia, ma è capitato anche qualcuno che non ha mai risposto. Alla fine mi sono accordato con RedBit, una giovane realtà di Roma.

Quali sono i tuoi progetti per il futuro?
I progetti per il futuro dipenderanno molto anche dai risultati che otterremo. Di sicuro pubblicherò il gioco anche su Windows Phone e molto probabilmente su PlayStation Vita. Comunque si continuerà a fare giochi!

Facciamo un grande in bocca al lupo a Daniele Bianchini, se volete provare il gioco questi sono i link per scaricarlo su Android e Ios.

 

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 21/12/2017

MagazzinoPerfetto, la startup per gestire il tuo magazzino su tutte le piattaforme

Il settore dei gestionali è forse uno dei primi settori ad essere stato oggetto di informatizzazione: i primi programmi gestionali sono comparsi già negli anni sessanta, quando i computer avevano schermi in bianco e nero. Tante grandi e solide aziende presidiano il settore con prodotti più o meno famosi e costantemente aggiornati, eppure agli occhi di Maurizio Molinari, CEO della startup di cui stiamo per parlarvi oggi c'è spazio per un prodotto diverso: stiamo parlando di MagazzinoPerfetto, startup avellinese che promette di cambiare il modo di gestire un magazzino.

Leggi tutto

Andrea Pastore 15/01/2015

Datalytics, la startup per conoscere la propria reputazione sui social

Volete sapere qual è la reputazione che la vostra azienda ha sul web? Datalytics può dirvelo con precisione: questa startup ha realizzato degli strumenti che consentono analisi completamente personalizzabili, a partire da singole entità e/o hashtag da monitorare online.
Con Datalytics è possibile monitorare e migliorare la cosiddetta web reputation, per anticipare i bisogni e le richieste degli utenti/consumatori, potenziare la qualità del customer service e pianificare operazioni di marketing in ambiente digitale, ed anche organizzare i dati raccolti in infografiche e

Leggi tutto

Andrea Pastore 03/12/2021

Delphlyx, la startup che aiuta le squadre di calcio a fare gli acquisti giusti

Come in tutti i settori, anche il mondo del calcio ha da un po' di tempo cominciato ad usare una serie di software per svolgere le proprie attività: esistono programmi che analizzano gli infortuni, i dati fisici dei giocatori, il calciomercato e tanto altro. Spesso però si tratta di software complicati, che richiedono conoscenze di statistica e altre discipline avanzate, per cui le società si trovano costrette ad assumere anche persone in grado di usarli. E quì nasce l'idea di cui parliamo oggi: si chiama Delphlyx e offre un software per l'analisi del calcio mercato. Abbiamo fatto qualche domanda a Guido Boldoni, responsabile del mercato Sud Europa.

Ciao Guido, com'è nata l'idea di Delphlyx?

L'idea di Delphlyx nasce a Londra ufficialmente nel 2019 da un' idea di Tom Randolph, all'epoca team manager dell' Huddersfield Town. Rendendosi conto della difficoltà di utilizzo dei software per le squadre di calcio, ebbe l'idea creare un software diverso da una semplice banca dati, che mettesse a disposizione funzionalità che danno delle soluzioni e potesse essere utilizzato facilmente da un direttori sportivi, che in genere non hanno molto tempo per capire il funzionamento di un software complesso. Me ne ha subito parlato e insieme abbiamo parlato con i direttori sportivi dei nostri paesi, per capire cosa potesse servire. Dopo un po' è iniziato lo sviluppo del software vero e proprio che ha richiesto qualche mese di lavoro. A gennaio 2021 è stata costituita la società con sede a Londra e a luglio 2021 è iniziata la commercializzazione. Già a settembre 2021 abbiamo colto i primi successi importanti.

Come funziona Delphlyx?

Delphlyx offre 4 funzioni 

  • Cerca un giocatore
    permette di trovare nel database un giocatore con un profilo statistico simile rispetto a un calciatore già conosciuto (ad esempio se Vlahovic sta lasciando la Fiorentina con questa funzionalità si può cercare nel mondo il nuovo Vlahovic).
  • Confronta testa a testa
    che ti permette di confrontare in base alle statistiche da te selezionate due calciatori, funzione molto utile in sede di trattativa o nelle fasi finali della scelta di un determinato profilo.
  • Rankings
    Elabora delle classifiche divise per ruolo di tutti i giocatori del nostro database : questo strumento supera gli attuali parametri di giudizio poichè analizza il calciatore non per la prestazione in sè, ma per i numeri accumulati nelle statistiche che descrivono il profilo perfetto in quel ruolo.
  • Wonderkids
    È una rubrica che viene inviata ogni settimana ai nostri clienti e che sta dando incredibili soddisfazioni sia quando si parla con potenziali nuovi partner sia perchè questi talenti diventano spesso obiettivi di mercato delle società con cui lavoriamo.

Oltre a questo offriamo anche consulenze statistiche: data la nostra esperienza tante società ci chiedono di essere affiancate nel percorso di ricerca dei giocatori migliori per completare la loro squadra.

Qual è la vostra sorgente dei dati?

Abbiamo un contratto con un'azienda multinazionale di statistica che ci procura una banca dati sempre aggiornata, che prevede un certo numero di parametri. A seconda dei ruoli, vengono presi in considerazione parametri diversi e con pesi diversi nel nostro algoritmo. Settimanalmente provvediamo a fare gli aggiornamenti nel nostro database.

Il team di Delphlyx è composto da persone sparse per il mondo, questo ha condizionato la vita della startup?

All'inizio è stato difficile perché il contatto umano manca, però alla lunga non ci ha condizionato. La nostra startup è organizzata sugli obiettivi e non sul tempo dedicato. Ognuno è libero di lavorare quando vuole, quello che conta sono le scadenze comuni e i risultati.

Quali sono i vostri prossimi progetti?

Il mio sogno personale è quello di aggiungere la possibilità di analizzare, monitorare e prevedere l'involuzione dei calciatori. Altro obiettivo è quello di estendere la statistica agli allenatori, per dare ai dirigenti

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...