Meccamico, la startup per trovare il tuo meccanico

Due ragazzi di Milano hanno trovato una nicchia interessante su cui concentrarsi e hanno creato una startup che punta a riunire i meccanici su un’unica piattaforma

Andrea Pastore 27/11/2019 0

Ci sono tanti settori che non sono battuti dal mondo delle startup, magari perché sono delle nicchie e non tutti le conoscono. Le nicchie però possono avere anche dei vantaggi: ad esempio potremmo trovare poca concorrenza, cosa rende possibile, con buone idee innovative, crearsi un mercato. È il caso di Meccamico, la startup di cui parliamo oggi, che punta a riunire i meccanici su un’unica piattaforma, offrendo alcuni importanti vantaggi per il cliente finale come il servizio di presa e consegna dell’auto direttamente a casa o quando si è a lavoro. Abbiamo fatto qualche domanda ad Alessandro Bianchi Maiocchi, uno dei fondatori di questa startup.

Ciao Alessandro, com’è nata l’idea di Meccamico?

Io sono appassionato di auto e in particolare di auto d’epoca. Sono felice possessore di una 500 L del 1972. Proprio con questa macchina ho avuto un problema non riuscivo a trovare un meccanico in grado di aiutarmi, poi grazie al suggerimento di un conoscente ho avuto il contatto di un meccanico che stava proprio vicino casa mia! Da li è nata l’idea di creare una piattaforma che raccogliesse tutti i meccanici d’Italia, che siano disposti ad andare a prendere la macchina del cliente e riportargliela.

Il mondo delle piccole officine sembra non essere molto attento all'innovazione. Avete competitor?

In Italia non abbiamo competitor diretti, esistono solo dei comparatori di prezzo che mostrano il costo della riparazione senza tenere conto della qualità dei servizi offerti. In Europa esistono realtà affermate che hanno un progetto simile al nostro.

Com’è maturata l’idea di offrire il ritiro e consegna a domicilio?

La decisione di offrire il servizio di ritiro e consegna è stata presa dopo un’attenta analisi degli automobilisti moderni. Molti cercano si il risparmio ma prediligono ancor più la trasparenza, la qualità del servizio e la comodità. Vediamo quotidianamente aziende che hanno avuto successo proprio perché si focalizzavano su quest’ultimo aspetto, da altri spesso tralasciato in favore del prezzo più basso possibile. Ne sono esempio Uber, Glovo e molte altre. Nello specifico caso dell’autoriparazione il modo con cui ci si relaziona col meccanico è rimasto invariato da decenni a questa parte. Intanto però l’utilitaria media prodotta nel 2019 ha 32 milioni di volte la capacità di calcolo dello Space Shuttle del 1969...

Che strategie utilizzate per attirare i meccanici sulla vostra piattaforma?

I primi meccanici partner li siamo andati a conoscere “porta a porta” ma per il futuro ambiamo ad avere un canale diretto per la richiesta di entrare a far parte di Meccamico.

Ogni meccanico può iscriversi al vostro portale?

Non esattamente. L’iscrizione non è automatica in quanto la priorità è sempre offrire un servizio di primo livello al cliente. Per questo ogni nuovo meccanico deve superare un esame dove vengono valutati diversi fattori tra i quali l’ottemperanza alle normative di legge. I nostri meccanici partner diventano parte integrante e cruciale del servizio offerto ai nostri clienti e quindi ad ogni richiesta seguirà sempre un processo di selezione.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 28/01/2015

House travelling, la startup per trovare la tua casa vacanze

House travelling  è un sito per trovare la propria casa delle vacanze,  che mette in collegamento la domanda (i turisti) con l’offerta (le case dei proprietari). Vi ricorda qualcosa? Probabilmente vi ricorderà il sito più famoso  di questo settore, airbnb.
Questo sito, però, non è un suo clone, anzi è nato prima. Come mai airbnb è riuscito ad imporsi come leader di mercato? 

Leggi tutto

Andrea Pastore 04/10/2017

Amami Viaggi, la startup che migliora la vita delle strutture alberghiere

Il turismo è uno dei settori più performanti in italia, ed è da sempre oggetto di attenzione delle startup. Da anni assistiamo ad una moltiplicazione dell'offerta turistica (intesa come hotel, b&b e tanti altri) e anche delle piattaforme turistiche: alle famosissime booking ed airbnb se ne sono aggiunte tante, che hanno la loro fetta di utilizzatori. Una struttura recettiva non può non tenere conto di questa frammentazione, ma per fortuna ci sono startup che hanno intercettato questo bisogno: una di queste è Amami, startup salernitana che offre una piattaforma in grado di gestire i diversi canali di prenotazione. Abbiamo parlato di questo con Marco Gasparro, fondatore della startup.

Leggi tutto

Andrea Pastore 23/09/2017

WWnetwork, la startup che ti aiuta ad esportare all'estero

In un mondo globalizzato come quello di oggi, a volte tanti imprenditori commettono l'errore di limitarsi al mercato nazionale, con le limitazioni che esso ha, e soprattutto si precludono l'opportunità di contrastare la crisi economica finanziaria ancora in atto nel nostro paese vendendo in mercati più prosperi. Certo il processo di internazionalizzazione di un'azienda non è semplice, bisogna affrontare tanti ostacoli. WWNetwork , la startup di cui parliamo oggi, ha proprio come obiettivo di aiutare le aziende a superare questo tipo di ostacoli. Ne parliamo con la sua fondatrice, Sara Martucciello.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...