Reagire al Coronavirus, le aziende reinventano la produzione: un aiuto e un'opportunità

In Italia è mobilitazione generale dai liquorifici alla moda, fino all'ingegneria automobilistica

Andrea Pastore 11/04/2020 0

Nel momento di difficoltà, la parole chiave è reagire. Una volta accusato il colpo, bisogna subito indirizzarsi verso quelle scelte che possano fronteggiare un'emergenza. In Italia, la pandemia da Coronavirus ha spinto numerose aziende, brand consolidati nel panorama economico nazionale e internazionale, a "riconvertire" la produzione: da un lato per scendere in campo nel contrasto del Covid-19, al fianco di sanitari, forze dell'ordine e popolazione, dall'altro per "reinventarsi" in chiave produttiva e cogliere una sorta di opportunità.

La distilleria Ramazzotti di Canelli, nell'astigiano, è uno dei più chiari esempi. La quota alcoolica del celebre amaro è servita a produrre un disinfettante per mani, preziosissimo per sanificare il veicolo principale indiretto (le mani, appunto) dalla possibile presenza del virus. L'azienda ha fatto distribuire le bottigliette a Croce Rossa, Protezione Civile e Vigili del Fuoco, al comune di Canelli e agli impiegati dell’azienda.

Sulla stessa linea il marchio Disaronno, che accompagna il noto liquore. Dalla catena produttiva, opportunamente riveduta e corretta, sono uscite fuori centinaia di "mignon" di gel igienizzante, destinato principalmente agli enti assistenziali del territorio nazionale.

Non da meno il settore della moda, che ha dirottato il proprio know-how dai capi di pregio verso mascherine, camici e tutti i possibili dispositivi di protezione individuali, fornendo anche del "tessuto non tessuto": Gucci, Fendi, Armani, ma anche nomi meno altisonanti come la molisana Modaimpresa. E ancora, Calzedonia, Geox, la Tessitura del Salento e il colosso tessile cuneese Miroglio. Un impegno corale e costante, che si alimenta di nuove "reclute" ogni giorno, per mettere a disposizione, in tempi brevi, centinaia di migliaia di "schermi" di difesa.

Sul fronte ingegneristico, infine, Fca e Ferrari sono al fianco di Siare - azienda produttrice di ventilatori polmonari - per incrementare la disponibilità di elettrovalvole, mentre Lamborghini si è impegnata nel settore delle visiere protettive.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 02/12/2014

Stackoverflow: l'importanza di arrivare primi

Stackoverflow è un sito che consente di inserire domande su argomenti di programmazione. È il punto di riferimento di tantissimi sviluppatori in tutto il mondo, riceve oltre 500.000 visite al mese e contiene un enorme quantitativo di domande.
La storia di questa startup, che oggi da lavoro a circa 200 persone (alcune delle quali sparse in ogni parte del mondo), è iniziata nel 2008, quando il suo fondatore si è accorto che non c'era un punto di riferimento per i programmatori, che fino a quel momento dovevano cercare le informazioni

Leggi tutto

Andrea Pastore 14/05/2016

30.000 euro alle startup che operano nella stampa 3d con l'acceleratore FABulous

Interessante opportunità per le startup che si occupano di stampa 3d: l'acceleratore europeo FABulous seleziona 20 startup operanti in questo campo che intendono usare la tecnologia FIware nei loro progetti. Le startup selezionate riceveranno un finanziamento di 30.000 euro e saranno inserire in un programma di accelerazione della durata di 6 mesi che offre supporto tecnico per Fiware, per lo sviluppo del business plan e vari

Leggi tutto

Andrea Pastore 27/12/2019

Quando si arriva troppo presto: la storia di General Magic

Come rispondereste alla domanda "chi ha inventato il primo smartphone?". Sbagliato, non è Apple, lo smartphone è stato inventato molto tempo prima, addirittura nel 1993, dieci anni prima dell'iphone. Ad inventarlo fu un'azienda americana, la General Magic, ed è incredibile notare quante similitudini che ci sono con i moderni

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...