Rinnovare il concetto di “luoghi di ristoro”: ecco come!

Dalla pizzeria hi-tech allo street pasta bar, alcune idee per rivoluzionare il settore

Andrea Pastore 02/03/2016 0

Negli ultimi anni i locali destinati alla ristorazione stanno decisamente cambiando pelle: molto più attenti alla moda, sono in gran parte monotematici, cercano sempre soluzioni originali (anche nelle portate), oppure uniscono al cibo altre attrazioni. Già molti bar e punti di ristoro in tutta Italia si sono convertiti a “locali di tipologia mista",  e aprire un locale oggi implica necessariamente creare un posto alla moda, originale e innovativo. Ecco alcune delle novità più interessanti del momento:

PIZZERIA HI-TECH. Vuoi aprire una pizzeria e fare in modo che sia la migliore della città? Cosa ne diresti di offrire ai tuoi clienti la possibilità di decidere forma, spessore, condimenti, cottura e persino la larghezza e il ripieno del “cornicione”? Prendi ispirazione dai geniacci di Pizza Hut, la catena di ristorazione di origine texana che sta lavorando ad un “tavolo concettuale interattivo” in collaborazione con Chaotic Moon Studios (studio texano che ha avuto contatti con giganti del calibro di Microsoft, Fox, Starbucks e Groupon, per intenderci). Il risultato è qualcosa del genere:

 

Non sei convinto? Pensa che Ikea ha già fatto qualcosa di simile nei suoi punti vendita, solo che lì i clienti non ordinano pizze, ma mobilio!

E poi, non dimenticare di rendere unica la tua pizza (come ha fatto, ad esempio, KonoPizza co le sue pizze a forma di gelato).

BAR POLIFUNZIONALE. Chiamalo bistrot, chiamalo “open space area”, food point o come vuoi tu: i bar di nuova generazione hanno una disposizione degli spazi moderna, minimale e molto pratica, per offrire il massimo comfort a tutti i diversi clienti che si dedicheranno ad attività differenti nello stesso locale: leggere libri, lavorare, guardare un bel film su un divanetto, mangiare bio, partecipare ad “aperitivi con delitto”, assistere a workshop e presentazioni e perfino organizzare riunioni con le associazioni locali. Sta a te scegliere la formula giusta: il tuo non sarà un bar, ma un centro polifunzionale!

MIX&MATCH. Non vuoi limitarti ad un’offerta circoscritta di pietanze, ma espandere il menu a tuo piacimento? Già moltissimi lo fanno, non soltanto mescolando bar, paninoteca e pizzeria in un unico locale, ma addirittura fondendo il fast-food con il ristorante tradizionale. Come rivoluzionare questo settore? Si può contaminare un’offerta tradizionale con servizi di intrattenimento finora mai utilizzati (come è successo a Milano nel Palazzo del cinema-ristorante Anteo, che addirittura offre un sushi-bar, un caffè letterario e 20 posti ristorante annessi al cinema: leggi ad esempio questo articolo su Repubblica.

Troppo dispendioso? In piccolo può funzionare anche meglio, predisponendo cene-evento con intrattenimento annesso. Hai mai pensato ad un risto-teatro di quartiere? Ma non soloi: puoi sperimentare con pareti trasparenti e schermi touch, per dare un aspetto totalmente inedito al tuo locale.

SPECIALIZZATI, E DI MOLTO. Vuoi ricavarti una nicchia esclusiva di pubblico disposto a spendere per assaggiare piatti gourmet o determinate pietanze e bevande? Apri una polpetteria, meglio se street-food, o una birreria itinerante su ruote (in Italia ne esistono già e, sui mezzi di trasporto appositamente predisposti, ci si può anche sedere contribuendo alla pedalata per azionare le ruote). Oppure allestisci uno “street pasta bar” come hanno fatto quelli di “Pasta&sugo”:

 

Ovviamente questo è solo uno spunto, l’importante è differenziarsi, anche lavorando a stretto contatto con altri commercianti locali (es. unendo una boutique o vendita di artigianato su ruote ad un bar tradizionale: pensa all’ape shop, con led, musica indie ecc.).

Ti senti ispirato? Pensa al cibo che vorresti e a “come” lo vorresti e… mettiti in gioco!

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 13/11/2018

Vendere prodotti fair trade: l'esempio di Vagamondi

Nel mondo capitalistico, si sa, l'etica non sempre la fa da padrone: spesso le grandi aziende nell'ottica di massimizzare il guadagno e di arrivare sul mercato a prezzi più competitivi possibile producono i beni che consumiamo ogni giorno in paesi sottosviluppati, dove il costo della vita è più basso e non ci esistono (o sono molto più blande rispetto all'Europa) tutele per i lavoratori, che vengono letteralmente sfruttati. Già dalla seconda metà degli anni 60 è nato il movimento del commercio equo e solidale, che ha come obiettivo la vendita di prodotti realizzati da aziende che garantiscono condizioni dignitose a tutti i lavoratori della loro filiera. La sensibilità verso questi tipi di prodotti cresce sempre di più, quindi perché non pensare di commerciare questo tipo di prodotti? Ne parliamo con Davide Bertelli, socio della cooperativa Vagamondi, distributrice di prodtti Fair Trade.

Leggi tutto

Andrea Pastore 11/01/2017

E-commerce? Meglio un marketplace!

Chi sta meditando di debuttare nel settore del commercio elettronico ha una valida alternativa da tenere in considerazione, oltre ai piccoli negozi online di cui è popolata la rete, e si chiama marketplace. Meno conosciuti rispetto all’e-commerce, questi grandi magazzini web si diffondono sempre di più generando fatturati di successo come nel caso di Ebay ed

Leggi tutto

Andrea Pastore 24/11/2016

5 P per scegliere la strada dell’e-commerce

L’epoca del web 2.0 sta per terminare, ci prepariamo all’era 3.0, che presumibilmente stravolgerà ancora una volta le nostre vite ma ci restano delle certezze. Tra queste: se vuoi farti largo tra i bottegai post contemporanei non puoi non avere il tuo store digitale. Per motivare l’importanza che, attualmente, riveste il ruolo dell’e-commerce  basta una sola lettere, la P, moltiplicata per 5.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...