RitegBankWeb, il software per capire se c'è usura bancaria

Da un'idea di un commercialista pugliese nasce un applicativo con cui è possibile analizzare conti correnti, mutui, aperture di credito e altre operazioni bancarie al fine di verificare se ci sono stati azioni di usura

Andrea Pastore 10/07/2019 0

La tecnologia investe tutti i settori, compresi i lavori che sembrano immbutabili come quello del commercialista, che a dispetto di quanto si potrebbe immaginare si presta a delle innovazioni, anche grazie al fatto che viene svolto dai più in modo tradizionale e quindi c’è spazio per l’innovazione. La storia di cui parliamo oggi è un esempio: ne parliamo subito con Francesco Leo, ideatore di RitegBankWeb.


Ciao Francesco, com’è nata l’idea di RitegBankWeb?
Noi nasciamo come uno studio di commercialisti e avvocati che fanno consulenza alle aziende. Io personalmente facevo consulenze per una banca, ma quel mondo non mi piaceva e ho cominciato a guardarmi intorno. Mi sono quindi avvicinato ad uno studio professionale più moderno, che decide di sfruttare internet per la ricerca di clienti e offriva servizi molto innovativi, tra cui la possibilità di capire se una banca faceva usura.

Questi calcoli però erano complessi, ed è nata l’esigenza di renderli più semplici con un software. Nel tempo vari professionisti sono venuti a sapere del nostro software e ci chiedevano di fare questi calcoli per conto loro, da qui è nata l’idea di creare un’app.

Come funziona il software?
Il software richiede di inserire i movimenti bancari del conto interessato (tramite un processo di inserimento agevolato), poi consente di fare varie analisi: usura, anatocismo, analisi delle rimesse prescritte e altro. Per  ogni analisi il software tiene conto della legge vigente per quel settore e genera un report. Se viene notata un’irregolarità il software da la possibilità di ricostruire il conto per capire quanto la banca ha preso ingiustamente.

Il settore dei commercialisti non è molto innovativo, come è stato accolto il software dai colleghi?
È una questione di generazione: gli anziani non sono interessati ai nuovi struenti, addirittura qualcuno ci chiede di effettuare i calcoli, i giovani invece accolgono con piacere nuovi strumenti che consentono di semlificare il loro lavoro

Quanto tempo dopo è stato necessario per sviluppare il prodotto?
Il software ha richiesto tre anni di sviluppo, poi dalla versione desktop c’è stata la migrazione alla versione web. Prima di pubblicare l’app abbiamo però fatto fare un’analisi dal cnr di Pisa, per ottenere una certificazione da un ente autorevole.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 25/05/2018

CloudBnB, la piattaforma per automatizzare le strutture recettive

Uno dei problemi di chi ha una piccola struttura recettiva, soprattutto se fatta in modo non professionale, è quello di gestire i clienti, in particolare di essere presente al check-in dell’ospite. Questo era anche il problema di Carmine Lamberti, imprenditore e co-fondatore di Brain Computing S.p.A., che ha ideato CloudBNB, un sistema in grado di generare dei codici per l’accesso alle stanze di una struttura recettiva. Facciamo Impresa gli ha fatto qualche domanda.

Leggi tutto

Andrea Pastore 18/02/2016

2Pay, la startup che ti permette di pagare col tuo numero di cellulare

Il segmento dei pagamenti mobile è uno dei più caldi del momento: tutti hanno capito che in futuro il cellulare sostituirà anche il nostro portafogli, e cercano di accaparrarsi più fette di mercato possibile. Oltre alle banche, però ci sono molti altri contendenti: Google e Apple in primis, che forti dei loro sistemi operativi per mobile cercano di diffondere le loro soluzioni, ma ci sono anche startup che invece di trasformare il telefono in un

Leggi tutto

Andrea Pastore 03/12/2021

Delphlyx, la startup che aiuta le squadre di calcio a fare gli acquisti giusti

Come in tutti i settori, anche il mondo del calcio ha da un po' di tempo cominciato ad usare una serie di software per svolgere le proprie attività: esistono programmi che analizzano gli infortuni, i dati fisici dei giocatori, il calciomercato e tanto altro. Spesso però si tratta di software complicati, che richiedono conoscenze di statistica e altre discipline avanzate, per cui le società si trovano costrette ad assumere anche persone in grado di usarli. E quì nasce l'idea di cui parliamo oggi: si chiama Delphlyx e offre un software per l'analisi del calcio mercato. Abbiamo fatto qualche domanda a Guido Boldoni, responsabile del mercato Sud Europa.

Ciao Guido, com'è nata l'idea di Delphlyx?

L'idea di Delphlyx nasce a Londra ufficialmente nel 2019 da un' idea di Tom Randolph, all'epoca team manager dell' Huddersfield Town. Rendendosi conto della difficoltà di utilizzo dei software per le squadre di calcio, ebbe l'idea creare un software diverso da una semplice banca dati, che mettesse a disposizione funzionalità che danno delle soluzioni e potesse essere utilizzato facilmente da un direttori sportivi, che in genere non hanno molto tempo per capire il funzionamento di un software complesso. Me ne ha subito parlato e insieme abbiamo parlato con i direttori sportivi dei nostri paesi, per capire cosa potesse servire. Dopo un po' è iniziato lo sviluppo del software vero e proprio che ha richiesto qualche mese di lavoro. A gennaio 2021 è stata costituita la società con sede a Londra e a luglio 2021 è iniziata la commercializzazione. Già a settembre 2021 abbiamo colto i primi successi importanti.

Come funziona Delphlyx?

Delphlyx offre 4 funzioni 

  • Cerca un giocatore
    permette di trovare nel database un giocatore con un profilo statistico simile rispetto a un calciatore già conosciuto (ad esempio se Vlahovic sta lasciando la Fiorentina con questa funzionalità si può cercare nel mondo il nuovo Vlahovic).
  • Confronta testa a testa
    che ti permette di confrontare in base alle statistiche da te selezionate due calciatori, funzione molto utile in sede di trattativa o nelle fasi finali della scelta di un determinato profilo.
  • Rankings
    Elabora delle classifiche divise per ruolo di tutti i giocatori del nostro database : questo strumento supera gli attuali parametri di giudizio poichè analizza il calciatore non per la prestazione in sè, ma per i numeri accumulati nelle statistiche che descrivono il profilo perfetto in quel ruolo.
  • Wonderkids
    È una rubrica che viene inviata ogni settimana ai nostri clienti e che sta dando incredibili soddisfazioni sia quando si parla con potenziali nuovi partner sia perchè questi talenti diventano spesso obiettivi di mercato delle società con cui lavoriamo.

Oltre a questo offriamo anche consulenze statistiche: data la nostra esperienza tante società ci chiedono di essere affiancate nel percorso di ricerca dei giocatori migliori per completare la loro squadra.

Qual è la vostra sorgente dei dati?

Abbiamo un contratto con un'azienda multinazionale di statistica che ci procura una banca dati sempre aggiornata, che prevede un certo numero di parametri. A seconda dei ruoli, vengono presi in considerazione parametri diversi e con pesi diversi nel nostro algoritmo. Settimanalmente provvediamo a fare gli aggiornamenti nel nostro database.

Il team di Delphlyx è composto da persone sparse per il mondo, questo ha condizionato la vita della startup?

All'inizio è stato difficile perché il contatto umano manca, però alla lunga non ci ha condizionato. La nostra startup è organizzata sugli obiettivi e non sul tempo dedicato. Ognuno è libero di lavorare quando vuole, quello che conta sono le scadenze comuni e i risultati.

Quali sono i vostri prossimi progetti?

Il mio sogno personale è quello di aggiungere la possibilità di analizzare, monitorare e prevedere l'involuzione dei calciatori. Altro obiettivo è quello di estendere la statistica agli allenatori, per dare ai dirigenti

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...