Sei esperto di un campo? Fai formazione! L'esempio di Daniele Zanini

Oggi vi raccontiamo la storia di Daniele Zanini, assicuratore Top performer che circa 3 anni fa ha deciso di condividere sul web e su facebook tecniche strategie per aumentare le Vendite.

Andrea Pastore 05/07/2018 0

In un mondo in cui le competenze richieste per lavorare sono sempre più elevate, la formazione diventa fondamentale. Chi si affaccia nel mondo del lavoro deve avere un buon livello formazione sia se vuole essere assunto, sia se vuole essere un libero professionista, perciò ha bisogno di formarsi. E quale formatore migliore di una persona che fa il mestiere che insegna da anni? È esattamente quello che ha fatto Daniele Zanini, giovane assicuratore top performer che circa 3 anni fa ha deciso di diventare un formatore. Facciamo impresa gli ha fatto qualche domanda.

Ciao Daniele, oggi sei un formatore, ma la tua avventura nel nuovo mondo delle startup comincia con Plus35, progetto che Facciamo Impresa ti sta aiutando a portare avanti. Ma come spesso accade c'è una svolta inattesa
Si, contestualmente al lancio di Plus35, si è sviluppato un altro business in maniera estremamente più importante rispetto al business di riferimento che era quello dell’applicativo. Da quando infatti ho iniziato a scrivere articoli e a realizzare video su Facebook, ho iniziato a ricevere tantissime richieste di consulenza e di formazione presso agenzie assicurative e colleghi in difficoltà.

Per cui dopo diverse richieste ho deciso di dividere i due brand e lasciare attivo Plus35 per quanto riguarda la sezione dell’applicativo che aiuta gli intermediari Assicurativi a vendere di più e di lanciare contestualmente un nuovo portale che ha l’obiettivo di diventare il punto di riferimento per tutti gli assicuratori in Italia.

Ok Daniele, ma non ci sono già troppi formatori nel settore vendite e marketing delle assicurazioni?
Assolutamente sì Andrea, ci sono tantissimi formatori nel settore assicurativo e soprattutto anche nel settore vendite e marketing.

La differenza sostanziale tra me e tutte le altre persone è che tutti vivono di teoria e non hanno mai venduto. Io invece, come gli assicuratori, vivo di prativa e quindi mi piace dire solo cosa funziona e non funziona.

A differenza di tutti gli altri formatori che sono presenti sul panorama Italiano, io aiuto i colleghi basandomi sulla pratica e sui risultati che ho ottenuto direttamente sul campo.

Io li conosco bene Daniele questi risultati, ti va di spiegarli anche ai nostri lettori?
Prima di aprire l’agenzia plurimandataria con base a Milano, ho lavorato per la bellezza di 8 anni in una primaria compagnia assicurativa nella quale mi sono confermato anno dopo anno tra i migliori venditori su tutto il panorama nazionale. Quello che faccio aiutando gli intermediari nel loro business e nella loro professione è che dico quello che faccio e faccio quello che dico.

Significa esattamente non parlare di teoria fine a se stessa, ma scrivere articoli e realizzare video basandomi solo ed esclusivamente su un metodo pratico, quindi spiegare agli intermediari come aumentare le vendite basandosi sulla pratica e sui risultati.

Su  daniele-zanini.net oggi parlo solo e soltanto di vendita e marketing nel settore assicurativo. Niente di più, niente di meno. Faccio questo realizzando video e scrivendo articoli che possano essere utili a chi svolge la professione di assicuratore.

Non si tratta neanche in realtà di scrivere articoli, bensí di realizzare una vera e propria guida che aiuti l’intermediario assicurativo ad aumentare le vendite.

Infatti leggendo queste guide, l’intermediario può trarre degli spunti pratici da adottare immediatamente sul campo.

Per cui capisci bene quanto sia diverso leggere un articolo di 200 parole e invece leggere una guida di 2500/3000 parole che permetta davvero all’intermediario di ottenere un valore aggiunto e di applicare subito questo nella sua professione, nel suo lavoro.

Assolutamente si, sono dei veri e proprio libri sulla vendita assicurativa presenti sul tuo blog!

L’ultimo articolo che ho pubblicato ad esempio riguarda proprio la guida definitiva per vendere fondi pensione.

C’è molta confusione su ciò che riguarda la vendita di polizze vita e fondi pensione.

In questo articolo ho voluto spiegare passaggio dopo passaggio, citando anche diversi strumenti che utilizzo nel quotidiano, come aumentare la vendita dei fondi pensione.

Altre guide che hanno avuto molto successo in termini di visualizzazioni e apprezzamenti del pubblico sono ad esempio quegli articoli che parlano di tematiche attuali, come il marketing per assicuratori, in cui spiego esattamente quali sono i passaggi da fare per tutti gli assicuratori che si vogliono affacciare a questo mondo e a questa attività.  (https://daniele-zanini.net/marketing-strategico-assicuratori/)
Per poi spaziare su altri articoli che trattano ad esempio temi un pochettino più curiosi, quindi quanto guadagna un assicuratore, un agente in Italia, magari per i più neofiti che si avvicinano adesso a questo lavoro.

Inoltre gli utenti possono anche trovare sulla mia pagina Facebook e sul sito internet numerosi video che parlano sempre nel dettaglio di come approcciarsi correttamente davanti al cliente.

Potrebbero interessarti anche...

Antonella Santoro 17/12/2021

Da un chiosco di hot dog ad una delle mutinazionali più popolari: la storia di Mc Donald's

Due archi che si incontrano e un nome che ha il sapore dell'America: il Mc Donald's, la multinazionale che ha cambiato le abitudini alimentari di mezzo mondo, come tutti i grandi marchi ha una storia di intuizioni ed opportunità colte da raccontare. Nonostante gli anni e i decenni, il brand americano è cambiato con i tempi e non perde il suo appeal, tanto da rinnovarsi nel look, nel target e nei valori che manda avanti. Da quando il nome Mc Donald's è entrato per vari motivi nella storia, nell'economia e negli studi di marketing, è diventato suo malgrado simbolo della globalizzazione ed è stato il primo "fast food", aprendo la strada ai suoi diretti concorrenti e alle piccole realtà.

Gli inizi: l'intuizione dei fratelli Mc Donald

Siamo nel 1937 in California, precisamente ad Arcadia: due fratelli, Dick e Mac Mc Donald con un chiosco di hot dog veramente innovativo organizzano il loro lavoro imitando la catena di montaggio delle fabbriche. A partire dalle materie prime, in pochi minuti gli addetti alla cucina riescono a farcire un panino e ad unire al menù le famose patatine a stick. Un format che ha rivoluzionato il settore della ristorazione, offrendo cibo gustoso e a basso prezzo.

L'arrivo di Ray Kroc

Nei primi anni Mc Donald ha solo un unico punto vendita molto efficiente che, secondo la volontà dei due fratelli che non hanno intezione di ingrandirsi, probabilmente sarebbe rimasto unico. Ma un giorno la strada dei due fratelli Mc Donald si incrocia con Ray Kroc, rappresentante di frullatori che, per un caso fortuito, riesce a conoscerli e a carpire il loro modo di lavorare. Da quel momento Kroc decide di rilevare l'attività e fa di tutto per ottenere nome, format ed estromettere completamente i fratelli di Manchester dal business. Mette così in atto il suo piano per accaparrarsi l'azienda che si rivela efficace. Attirato dal successo del ristorante dei fratelli, inizialmente chiede loro di fare un franchising, ma, dopo qualche tempo i grandi piani di Kroc subiscono una battuta d'arresto inaspettata. I successi in termini d incassi vanno bene, ma i guadagni per Kroc scarseggiano.

La ricerca del massimo profitto e la rottura con i fratelli Mc Donald

Nonostante il gran numero di clienti, i primi affiliati lamentano spese molto elevate di gestione; lo stesso locale di Kroc presenta il medesimo problema e, a fronte del grande lavoro necessario a portare avanti l'idea, i guadagni non decollano. Mentre pensa a come risolvere questo problema, Kroc ha l'idea che rende Md Donald la realtà che conosciamo oggi: cominciia ad acquistare i terreni dove sarebbero nati i futuri Mc Donald's e li fitta per ricavarne una rendita milionaria. Oltre a questo aspetto, ci sono però da soddisfare le richieste dei primi affiliati, che chiedono maggiori guadagni e cosi inizia una vera e propria corsa a profitti più remunerativi, intervenendo sulle materie prime. Questa cosa fa infuriare i due fratelli Mc Donald, che invece puntano tutto sulla qualità e intendono continuare a portare avanti la loro idea. Per questo motivo, i contatti tra Kroc e i Mc Donald presto si incrinano fino al punto in cui sono poi costretti nel 1955 a vendere il marchio al loro avversario per 2 milioni e 700 mila dollari. Ray Kroc fonda la "McDonald's Systems, Inc." (che sarà poi ribattezzata "McDonald's Corporation"). Da quel momento comincia la veloce ascesa dell’azienda, “invadendo” prima gli Stati Uniti, poi l’Europa e poi il mondo. Infine, l'imprenditore dell'Illinois acquista anche il terreno dove si trova il locale dei fratelli, portando a compimento il suo piano e creando la sua realtà imprenditoriale.

Mc Donald's oggi e l'attenzione alle mode sulla salute

Mc Donald’s è la multinazionale che ha investito milioni di dollari in un marketing improntato sul concetto di famiglia, puntando specialmente sui giovanissimi. Grazie ad una storica collaborazione con Disney e Pixar, (un rapporto che dura ormai dai primi anni '90 nonostante alti e bassi), è possibile ricevere in regalo il personaggio dell’ultimo film di animazione nel popolare "Happy Meal". L’azienda deve il suo successo anche alla scelta di punti vendita spaziosi e colorati, comodi da raggiungere e garanzia di un servizio veloce e che dia la sensazione di trovarsi a casa.

Nonostante la qualità dei prodotti specificatamente di provenienza nazionale, i costi rimangono bassi grazie al sistema in franchising che aiuta la redditività aziendale. Oggi il “cibo spazzatura” è diventato anti-sociale, per cui anche il pioniere del cibo veloce si è dovuto adattare alle nuove richieste del mercato e ai nuovi stili di vita.
Mc Donald’s prima puntava su un target prettamente indifferenziato, oggi il target si amplia anche ai vegetariani, ai vegani e agli intolleranti al glutine, nonché presenta un’offerta ampia di colazioni e di insalate per chi non ha tempo e deve correre in ufficio.

Leggi tutto

Antonella Santoro 10/11/2021

Udemy: la start up che ha rivoluzionato la formazione nel mondo

Il modo di apprendere è cambiato molto negli ultimi anni: non solo si è passati dai libri ai videocorsi, ma sono nate tante piattaforme che offrono videolezioni a prezzi molto contenuti. Oggi parliamo di Udemy, una delle prime piattaforme di questo tipo, che offre un ventaglio altissimo di corsi online (dedicati e specifici) per ogni cosa: tutto on demand e tutto dal computer di casa. Ben 14 anni fa, esattamente nel 2007 nacque Udemy. Il fondatore, Eren Bali, cresciuto in un villaggio povero della Turchia, ha vissuto in prima persona la forte difficoltà a spostarsi per studiare, per cui ha dovuto trovare la soluzione per coltivare la sua passione per la matematica, per praticarla ed impararla direttamente da casa.

La lunga strada verso il successo

Nel 2007 Udemy (neologismo creato con le parole you+academy), offriva un software "rivoluzionario" per creare aule virtuali dal vivo: una vera novità che ha permesso al mondo di andare avanti anche durante la pandemia da Covid-19. Quella di Udemy è la storia di una scommessa riuscita, creata dalla forza di volontà di tre ragazzi di superare gli eventi sfavorevoli: partita dall'idea di mettere su rete corsi e lezioni fruibili a tutti, ha cambiato radicalmente il modo di vedere il campo della formazione. Oltre ad Eren Bali, suo fondatore legale, si aggiunsero alla società i suoi co-fondatori: Oktay Caglar e nel 2010 Gagan Byiani e, insieme hanno dato vita ad un progetto, non solo con un'idea vincente, ma con un'offerta da proporre in tempi veloci al mercato turco di quegli anni. Ormai era tutto pronto per sperimentare: il nome c'era, l'idea anche e il mercato di riferimento sembrava maturo. Quando nel 2007 Eren Bali e Oktay Caglar lanciarono il sito in Turchia, non si aspettavamo di ricevere una risposta così "tiepida". Semplicemente non funzionò. Non perdendosi d'animo e sicuri della forza della loro offerta e approfittando del fatto che Eren Bali fosse stato reclutato negli Stati Uniti come ingegnere di un sito di incontri, proposero l’idea al mercato d’Oltreoceano. La risposta della Silicon Valley fu infatti molto diversa: furono tanti gli investitori interessati al progetto e in breve tempo cominciò l'ascesa di Udemy.

I primi anni e la costruzione della community

Eren Bali e i due co-fondatori di Udemy ebbero l'intuizione di pensare a tutto: facilitarono l'interazione con la piattaforma non solo da parte del cliente finale, ovvero l'utente al quale offrire videocorsi, ma soprattutto da parte dei docenti che garantivano alla piattaforma una varietà di argomenti tale da rendere Udemy unica rispetto a qualsiasi altro concorrente. Per occuparsi delle sue risorse umane, Udemy formò delle community di discussione che oggi potrebbero essere assimilate ai gruppi sui social network più conosciuti: qualsiasi esigenza, qualsiasi perplessità, qualsiasi iniziativa, venivano gestite dai componenti della community e dallo staff di Udemy, creando un ambiente sereno, stimolante e che desse la sensazione di sentirsi in una grande famiglia. Tutto ciò generò quindi fidelizzazione, fiducia e un'offerta di videolezioni sempre aggiornata e facile da utilizzare: tantissimi docenti proponevano corsi di ogni genere e gli utenti trovavano un'offerta vasta con lezioni online "su misura".

I punti di forza di Udemy

Il sito si è ingrandito e arricchito negli anni perché la piattaforma ha permesso a tutti di lavorare e di diffondere nozioni utili: tutti possono insegnare qualcosa che conoscono e tutti possono apprendere quello che cercano. A differenza di altri siti, non esiste una vera e propria selezione dei docenti: bisogna sapere essenzialmente di cosa si vuole parlare, attenersi ai tempi di registrazione delle lezioni e produrre un contenuto video ad alta definizione che possa aiutare l’apprendimento. Udemy, inoltre, consente di creare dei veri e propri spazi virtuali nei quali parlare di argomenti a scelta. È possibile caricare video, creare delle presentazioni in Power Point, condividere file PDF, audio, ecc … I corsi possono anche prevedere delle certificazioni finali, utili soprattutto agli studenti o ai lavoratori e, soprattutto, ciascun insegnante può interagire con gli studenti tramite chat e forum di discussione. Il sito permette di scegliere anche se seguire corsi a pagamento o corsi gratuiti: nel caso di lezioni con una tariffa, il guadagno va interamente al docente. Gli argomenti più seguiti riguardano gli affari e l'imprenditorialità, la salute, la tecnologia e le arti. Udemy ha lanciato anche un servizio pensato per le imprese: con Udemy for Business è possibile accedere ad un pacchetto di 7000 corsi di formazione utili al personale e ad eventuali aggiornamenti periodici aziendali personalizzabili.

Le nuove sfide di Udemy

Oggi il valore stimato di Udemy si aggira sui 3,5 miliardi di dollari ed è destinato ad aumentare. Rispetto alle altre offerte similari con corsi di numero più ridotto e al tradizionale sistema universitario, basa la sua differenziazione sulla varietà di lezioni offerte ed è entrato a far parte del movimento MOOC (Massive Open Online Courses), realtà che prevede un'offerta formativa online multidisciplinare . L'ascesa di Udemy non accenna ad assestarsi: continuano i consensi e aumentano gli investitori che credono nell'azienda. Per tale motivo la società è entrata in Borsa attribuendo ai soci fondatori un ruolo per così dire "di minoranza": si tratta di un appellativo più che discutibile, considerando che l'1-2% del valore della società corrisponderebbe nella peggiore delle ipotesi a cifre a sei zeri.

 

 

 

Leggi tutto

Andrea Pastore 11/08/2014

Anche i grandi colossi sbagliano: il caso di Ibm e di OS/2

Capita frequentemente che alcuni prodotti, nonostante siano validi, non incontrino il gradimento del pubblico e si trasformino in un insuccesso. A questa regola non sfuggono nemmeno le grandi aziende: la storia che stiamo per raccontare è quella del poco noto OS/2, un sistema operativo realizzato da IBM nei primi anni 90 e finito nel dimenticatoio nonostante le sue buone qualità. 

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...