Tinkidoo, un nuovo metodo educativo per i bambini

Sfruttando giocattoli educativi di nuova concezione, come Primo e Osmo, questa startup ha creato un nuovo metodo educativo per insegnare le discipline scientifiche ai bambini

Andrea Pastore 28/12/2015 0

L'avvento delle nuove tecnologie - dispositivi touch in primis - negli ultimi anni, ha rivoluzionato il mondo della didattica. Smartphone, tablet e compagnia hanno reso obsoleti lavagna e gesso, e la scuola ha dovuto adeguarsi con strumenti più al passo con i tempi come le lavagne elettroniche.
Ma la tecnologia offre tante possibilità di imparare in modo nuovo, ne sono un esempio prodotti come PrimoOsmo  e tanti altri.Utilizzando questi prodotti Tinkidoo ha creato un nuovo metodo educativo per la didattica delle discipline STEAM (scienze, tecnologia, ingegneria, elettronica, matematica, robotica e making) per i bambini tra i 3 ed i 12 anni. Abbiamo fatto alcune domande a Sonia China, founder di questa startup.

Ciao Sonia, com'è nata l'idea di Tinkidoo?
Tinkidoo nasce dall'esperienza, la stessa che ha ispirato il metodo learning through play. Abbiamo acquistato il primo prototipo di smart toy ed abbiamo immediatamente percepito tutta la forza di questo approccio. Da lì abbiamo iniziato a portare i nostri laboratori in giro con grande successo ed oggi ci chiedono di poterlo imparare le persone. Abbiamo per questo immaginato la nostra prima Academy.

Come vi siete mossi per promuovere il vostro progetto?

Innanzitutto per far conoscere il progetto abbiamo girato molto, senza fare caso a quale fosse davvero il guadagno di ogni evento che spesso è costato più di quanto non abbia portato), ma era molto importante aprire il mercato. continuiamo a farlo anche adesso onestamente. POi abbia disegnato la nostra digital strategy partendo dal target e creando l'esperienza utente digitale per quel nostro target. Ma per nostra fortuna il digital è un esperimento continuo, quindi non smettiamo mai di ridisegnare tutto.

L'insegnamento tradizionale, secondo te, è superato? O è ancora applicabile?
Il tema non è l'insegnamento tradizionale secondo me. Il tema è portare la didattica ad integrarsi con gli strumenti che i bambini riconoscono come loro strumenti. Il digitale, quindi, e le competenze ad esso legate non sono una commodity ma una necessità. Oltre al fatto che 800.000 lavori nel 2020 presupporranno le comtepenze digitali.

Quali sono i vostri piani per il futuro?
Attualmente siamo concentrati su due obiettivi principali: il primo è l'academy: la prima scuola on line/offline (flipped classroom) per insegnare il metodo Tinkidoo. Altra cosa importante per noi è la produzione:  vogliamo produrre noi i nostri giocattoli, per questo abbiamo lanciato una call rivolta a designer e makers per creare il nostro primo oggetto.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 08/09/2016

Plus35, la startup che aiuta gli agenti assicurativi a vendere di più

Il settore delle assicurazioni è stato per molto tempo lontano dalle innovazioni: tanta carta e poca digitalizzazione, ma da qualche anno la situazione sta cambiando. Attirate da un mercato che vale oltre 140 miliardi di euro, le startup hanno cominciato ad affacciarsi sulla scena con la loro carica innovativa. Oggi parliamo di Plus35 e offre ad agenti e subagenti assicurativi una piattaforma dove ordinare i dati dei loro clienti che li aiuta a ricordare le scadenze e proporre le soluzioni migliori.

Leggi tutto

Andrea Pastore 23/09/2017

WWnetwork, la startup che ti aiuta ad esportare all'estero

In un mondo globalizzato come quello di oggi, a volte tanti imprenditori commettono l'errore di limitarsi al mercato nazionale, con le limitazioni che esso ha, e soprattutto si precludono l'opportunità di contrastare la crisi economica finanziaria ancora in atto nel nostro paese vendendo in mercati più prosperi. Certo il processo di internazionalizzazione di un'azienda non è semplice, bisogna affrontare tanti ostacoli. WWNetwork , la startup di cui parliamo oggi, ha proprio come obiettivo di aiutare le aziende a superare questo tipo di ostacoli. Ne parliamo con la sua fondatrice, Sara Martucciello.

Leggi tutto

Andrea Pastore 02/04/2019

FlyKube, la startup dei viaggi a sorpresa

Nel settore turistico si sta diffondendo anche nel nostro paese negli una nuova tendenza: quella di fare i viaggi a scatola chiusa, decidendo solo alcune cose come il paese di destinazione oppure il periodo di viaggio. Sulla scia di quanto avviene negli Stati Uniti nasce Flykube, startup italo spagnola che consente questa modalità di viaggio. Ne parliamo con Paolo Della Pepa, founder di di questa startup.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...