Worldz, la startup che ti consente di risparmiare se condividi i tuoi acquisti

Quante volte avete pubblicato un prodotto appena acquistato su facebook? Ora con questo gesto potete guadagnarci, grazie ai ragazzi di Worldz

Andrea Pastore 28/10/2016 1

L'ecommerce è da tempo una realtà affermata anche in Italia: sono tante le persone che acquistano online, e tanti sono coloro che postano il loro ultimo acquisto sui social network. La startup di cui parliamo oggi ha escogitato un metodo per fare in modo che da questo gesto comunissimo gli utenti possano guadagnarci qualcosa: si chiama Worldz e consente agli utenti di ottenere uno sconto sul totale del carrello ogni volta che si pubblica un acquisto effettuato. Abbiamo fatto delle domande a Joshua Priore, CEO di questa startup.

Ciao Joshua, com'è nata l'idea di Worldz?
Frequentavo l'accademia aeronautica, ma a causa per un incidente ne sono uscito. Durante l'accademia non usavo molto lo smartphone, quindi mi ero perso le ultime innovazioni, ma questo mi ha permesso di osservare i miei coetanei da esterno. Mi sono reso conto che i miei amici perdevano tempo a cercare like, non ricevendo nulla in cambio, e mi è venuta l'idea di creare qualcosa che potesse valorizzare questa cosa. Così è nato Worldz: grazie ad un early investor ho creato un dimostratore e poi abbiamo proposto il progetto ad un venture capital che ha finanziato l'idea e ci ha permesso di sviluppare l'applicativo com'è oggi.

Come funziona Worldz?
Gli ecommerce interessati devono scaricare un plugin gratuito (disponibile al momento per prestashop e woocommerce) e impostare la percentuale massima di sconto sul totale del carrello. Se un utente decide di condividere il suo acquisto riceve uno sconto sul prezzo finale pari al suo "valore social" calcolato dal nostro algoritmo. Per ogni transazione effettuata chiediamo una percentuale sul totale del carrello scontato.

Quanto può risparmiare un utente da ogni condivisione?
Dipende dalll'utente, in media gli utenti possono ottenere uno sconto di 15 euro, ma ci sono degli utenti che possono essere definiti degli influencer che possono arrivare a cifre maggiori. In ogni caso piu che uno sconto io lo definirei uno scambio merce: è come se pagassi una parte del carrello in soldi e il resto in marketing, perché fondamentalmente quando l'utente condivide il suo acquisto fa una pubblicità all'ecommerce.

Quali sono i vostri progetti per il futuro?
In questo momento ci stiamo focalizzando sul breve termine, vogliamo aumentare  gli ecommerce che usano il nostro sistema. Non ci stiamo focalizzando sul lungo termine perché dato che la nostra idea è molto disruptive tutto potrebbe cambiare da un momento all'altro.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 21/12/2017

MagazzinoPerfetto, la startup per gestire il tuo magazzino su tutte le piattaforme

Il settore dei gestionali è forse uno dei primi settori ad essere stato oggetto di informatizzazione: i primi programmi gestionali sono comparsi già negli anni sessanta, quando i computer avevano schermi in bianco e nero. Tante grandi e solide aziende presidiano il settore con prodotti più o meno famosi e costantemente aggiornati, eppure agli occhi di Maurizio Molinari, CEO della startup di cui stiamo per parlarvi oggi c'è spazio per un prodotto diverso: stiamo parlando di MagazzinoPerfetto, startup avellinese che promette di cambiare il modo di gestire un magazzino.

Leggi tutto

Andrea Pastore 19/11/2015

Canapella, la pasta con tanti nutrienti in più

Una startup che si occupa di Food in eccezione di Pasta non si era ancora sentita. Tutto sommato è anche un po' strano, visto che l'italia è il paese della pasta, oltre che della pizza e di tante altre cose. Ma oggi a colmare questo vuoto arriva Canapella, che porta l'innovazione in un settore in cui innovare significava solo provare nuove combinazioni di gusti. Abbiamo fatto alcune domande a Roberto Lanna, fondatore di questa startup.

Leggi tutto

Andrea Pastore 15/05/2017

Last second food, la startup per acquistare il cibo in scadenza (risparmiando)

Uno dei problemi della grande distribuzione è la gran quantità di cibo in scadenza che spesso, se non venduto in tempo utile, finisce in discarica. Anche questo settore è stato oggetto di attenzione degli startupper, che hanno ideato progetti in grado di ridurre questo spreco, come quello che vediamo oggi: si chiama Last Second Food, e ne parliamo con il suo fondatore Alessandro Cervini.

Leggi tutto

Lascia un commento

Marnix Groet

WORLDZThis looks like an excellent idea to monetize you popularity and get something in exchange for your social activity.The idea is simple and effective. 04/11/2016
Rispondi

Cerca...