WWnetwork, la startup che ti aiuta ad esportare all'estero

Un gruppo di esperti professionisti ha creato una startup che aiuta le aziende nel processo di internazionalizzazione, ancora poco diffuso soprattutto nelle piccole aziende italiane.

Andrea Pastore 23/09/2017 0

In un mondo globalizzato come quello di oggi, a volte tanti imprenditori commettono l'errore di limitarsi al mercato nazionale, con le limitazioni che esso ha, e soprattutto si precludono l'opportunità di contrastare la crisi economica finanziaria ancora in atto nel nostro paese vendendo in mercati più prosperi. Certo il processo di internazionalizzazione di un'azienda non è semplice, bisogna affrontare tanti ostacoli. WWNetwork , la startup di cui parliamo oggi, ha proprio come obiettivo di aiutare le aziende a superare questo tipo di ostacoli. Ne parliamo con la sua fondatrice, Sara Martucciello.

Ciao Sara, com'è nata l'idea di WWnetwork?
L’idea nasce da un bisogno aziendale, dall’aver studiato a fondo il territorio della Campania e per aver ascoltato tanti imprenditori come me e le loro difficoltà nell’approcciarsi ai nuovi mercati. E nasce dagli errori che spesso commettono gli imprenditori quando si affacciano ai nuovi mercati.

Qual è il motivo principale che fa desistere le imprese dall'andare all'estero?
Le difficoltà che accomunano gli imprenditori quando si affacciano ai nuovi mercati sono essenzialmente queste:

  • incapacità di adeguare le quantità di prodotti da esportare;
  • paura della burocrazia e della legislazione nei paesi esteri;
  • valorizzazione del brand aziendale e di un adeguata strategia di marketing e comunicazione per poterlo valorizzare;
  • ignoranza digitale intesa come l’incapacità di adattarsi alla trasformazione della tecnologia e giusta mentalità per poterla affrontare;
  • scarsa o poca conoscenza del business english e della negoziazione internazionale

Come avete messo a punto il metodo che utilizzate?
La metodologia è stata messa appunto creando un sistema che guida passo dopo passo l’impresa in un percorso strutturato in 10 step.
Sono stati inseriti in un percorso creato ad hoc tutti quei passi che l’imprenditore compie in modo confuso e spezzettato creando un circuito chiaro, ben definito e soprattutto per un tempo determinato.


Da quante aziende è attualmente composto il network?
il network è composto da circa 10 società specializzate nell’internazionalizzazione e leader nei loro settori ed è un network nazionale, internazionale e territoriale.

Potrebbero interessarti anche...

Andrea Pastore 13/10/2014

Apio: la startup che permette di comandare gli elettrodomestici dallo smartphone

Tra i settori più promettenti per il futuro c'è quello della domotica, spinto anche da piattaforme hardware libere come Arduino che hanno reso più facile la realizzazione di molti prodotti, anche da semplici appassionati.

Su internet si trovano tanti progetti di dispositivi che automatizzano una determinata funzione, ma come fare per far comunicare due dispositivi? Magari per fare in modo che quando un dispositivo rileva una determinata condizione se ne accenda un altro?
Dei ragazzi marchigiani hanno creato un prodotto per soddisfare questa esigenza:

Leggi tutto

Andrea Pastore 07/02/2020

A Milano una sfida fra 20 startup innovative, si vincono 50mila euro in servizi

Giovedì 11 Giugno 2020, al Talent Garden Calabiana di Milano, si terrà la fase finale di "Atena startup battle", la competizione che mette di fronte le startup italiane più innovative, giudicate da un pool di esperti e da un pubblico di investitori.

Leggi tutto

Andrea Pastore 21/04/2015

Ontheroot, la startup per chi vuole mangiare sano (e senza glutine)

Quello delle intolleranze alimentari, celiachia in primis, è un problema che riguarda l'1% della popolazione, e sono 85000 i casi solo di celiachia scoperti ogni anno. Le persone che hanno questo problema sono spesso costrette a fare attenzione ai locali che frequentano, perché devono prima informarsi se quel determinato posto prevede menu per celiaci ( o altre intolleranze). Perfino ordinare una pizza da asporto può essere un problema, perché bisogna sapere se la pizzeria produce pizze per celiaci.

Leggi tutto

Lascia un commento

Cerca...