1 milione e 200.000 euro per startup culturali o creative nella Regione Lazio

Pubblicato da Andrea Pastore nella categoria Bandi il 22/02/2016ultimo aggiornamento il 22/02/2016

Fondo perduto e cofinanziamento per i settori Arte, Design, Musica, Audiovisivi ed Editoria

1 milione e 200.000 euro per startup culturali o creative nella Regione Lazio

Il bando 2016 della Regione Lazio, ideato nell’ambito del programma strategico Lazio Creativo, promette “Sostegno e sviluppo di imprese nel settore delle attività culturali e creative” ed è destinato al finanziamento, a fondo perduto, per tutte le startup innovative da costituirsi o attive da massimo 6 mesi, grazie ad un cofinanziamento dei costi di avvio e un primo investimento su singoli progetti.

Ben 1.200.000 euro saranno quindi stanziati non in ambito scientifico, ma culturale e/o creativo, colmando un divario spesso evidente; infatti, le categorie ammesse per le micro, piccole e medie imprese partecipanti sono:

  • Arti e beni culturali (arte, restauro, artigianato artistico, tecnologie applicate ai beni culturali, fotografia)

  • Architettura e design (architettura, design, disegno industriale, prototipazione e produzione in di oggetti ingegneristici e artigianali, design della moda)

  • Spettacolo dal vivo e musica

  • Audiovisivo

  • Editoria

Le proposte saranno cofinanziate dalla Regione Lazio per un massimo di 30.000 euro e fino all’80% dell’investimento ammissibile. Per le startup neonate, la domanda potrà essere presentata anche da una persona fisica, ma occorrerà che l’impresa si costituisca come previsto nel progetto e sia iscritta al Registro delle Imprese entro 60 giorni dalla comunicazione di ammissione al contributo.

È già possibile presentare le domande tramite il portale GeCoWEB, che richiede l’accreditamento preventivo dei soggetti richiedenti. C'è tempo fino alle 18:00 del 31 marzo 2016.

Il bando è stato presentato l’8 febbraio nella sede dell’Auditorium dell’Ara Pacis, alla presenza del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti, con il ministro dei Beni e attività culturali Dario Franceschini e l’assessore alla Cultura e alle politiche giovanili della Regione Lazio Lidia Ravera.

Un’ottima occasione per sfruttare una ”fucina” regionale che possiede già il 10% delle industrie creative nazionali e l’8% del PIL nel settore contro la media del 6% nazionale. Creativi, è il vostro momento!

Condividi

Lascia un commento