Dalle auto elettriche di lusso al crowdfunding dei record: la storia di Tesla Motors

Pubblicato da Andrea Pastore nella categoria Storie il 08/04/2016ultimo aggiornamento il 08/04/2016

Un'azienda che ha sempre guardato al futuro, oggi più che mai “luminoso” grazie alle 200.000 prenotazioni in soli 2 giorni della nuova Model 3!

Dalle auto elettriche di lusso al crowdfunding dei record: la storia di Tesla Motors

Non un’auto ibrida, non una semplice auto elettrica. Il progetto che l’imprenditore Elon Musk si è proposto di realizzare, attuando per Tesla Motors un crowdfunding da record (9 miliardi di dollari, ovvero 200.000 prenotazioni in soli 2 giorni!) consiste in un nuovo tipo di auto, la rivoluzionaria Model 3, capace di accelerare da 0 a 100 km in meno di 6 secondi, con 346 km di autonomia tra un “rifornimento” e l’altro e ben 5 Stelle per la sicurezza in tutte le categorie; un gioiello a quattro ruote che costituirà il primo vero e proprio veicolo di lusso avente tali caratteristiche, pur mantenendo un prezzo abbordabile (circa 35.000 dollari di base stimati per ogni vettura: il tetto massimo si ferma a 40.000 euro).

È questa, tuttavia, solo l’ultima tappa di un lungo percorso iniziato nel  2003 a San Carlos (California) dai quattro fondatori della Tesla: Elon Musk (co-fondatore di PayPal), JB Straubel, Martin Eberhard e Marc Tarpenning. In 13 anni di sfide, l'azienda è cresciuta a livello esponenziale, fino a coinvolgere esperti in informatica e sistemi di calcolo (da tutto il mondo) nell’ambito dell'ingegneria elettrica ed elettronica.

Fin dai suoi esordi, l’azienda ha investito tutto sulla tecnologia e l’alto valore innovativo dei modelli prodotti, distinguendosi quindi dai numerosi competitors grazie alla realizzazione di veicoli ipertecnologici che sfruttano energia “pulita” evitando, quindi, di danneggiare l’ambiente.

Nel 2008 è stata realizzata (attraverso una collaborazione con la Lotus) la Tesla Roadster, prima sportiva a propulsione interamente elettrica, nonché la prima auto elettrica con autonomia superiore ai 300 chilometri. Per ridurre i tempi di ricarica delle vetture, Tesla Motors ha poi inaugurato il sistema Supercharger, che consente di ricaricare gratuitamente la propria vettura in meno di un'ora. Successivamente ha immesso sul mercato la Model S e Model X (2012-2015), ed è stata la prima azienda a voler applicare la filosofia Open Source ai suoi brevetti nel 2014, ovviamente aprendo le porte a nuovi partner. Il 24 agosto 2015, nella classifica di Forbes, Tesla viene presentata come l'azienda più innovativa al mondo. Ma non finisce qui: da circa due anni, Musk e soci stanno lavorando a una fabbrica di batterie agli ioni di litio, denominata “Gigafactory”, in cui saranno prodotte batterie per almeno 500.000 auto all'anno. La fabbrica costerà 5 miliardi di dollari, sarà operativa a partire dal 2017 e fornirà anche le famose batterie per la casa chiamate “Powerwall”, che hanno già avuto 38.000 prenotazioni in pochi giorni.

Insomma, forte di grandissimi successi, oggi la Tesla Motors – grazie anche all’acclamata Model 3 – si prepara a diventare l’azienda automobilistica del millennio. La situazione, com’era prevedibile, non è rimasta certo sconosciuta agli investitori: oggi le azioni della Tesla registrano una crescita del 3,40%, e continueranno a salire. Inoltre la presentazione dell’ultimo modello, svoltasi nella sede di Hawthorne (California) al grido di «Il futuro delle auto elettriche è luminoso», sembra promettere una svolta. E così Elon Musk, il sudafricano ribattezzato “l’uomo dei sogni”, dopo vari progetti di treni superveloci e navicelle spaziali, si prepara adesso a raggiungere un nuovo, incredibile obiettivo, sulla scia di uno dei crowdfunding – quello della Model 3meglio riusciti al mondo.

Condividi

Lascia un commento

Scritto il 07/06/2016 da Giampiero gross

Great!!