Nuova opportunità per le imprese culturali nel Mezzogiorno: pubblicato il bando Cultura Crea

Pubblicato da Andrea Pastore nella categoria Bandi il 09/08/2016ultimo aggiornamento il 09/08/2016

Stanziati fondi per nuove imprese, attività già esistenti e soggetti del terzo settore

Nuova opportunità per le imprese culturali nel Mezzogiorno: pubblicato il bando Cultura Crea

Il Ministero dei Beni Culturali e delle attività del Turismo ha pubblicato un nuovo bando destinato alle piccole imprese del settore culturale al Sud. L’iniziativa, gestita da Invitalia, si chiama "Cultura crea” ed ha l'obiettivo di sostenere la filiera culturale e creativa, rafforzare la competitività delle piccole e medie imprese, e sviluppare il settore produttivo collegato al patrimonio culturale delle regioni del Meridione.“Cultura crea” è rivolto alle imprese che producono contenuti culturali, a quelle direttamente connesse alla fruizione turistico-culturale degli attrattori (cultura, turismo, prodotti tipici e artigianato) e ai soggetti del terzo settore coinvolti nella gestione, fruizione e valorizzazione del patrimonio culturale.
Sono stanziati, nello specifico:
41,7 milioni per la creazione di nuove imprese dell’industria culturale e creativa che promuovano l’innovazione, lo sviluppo tecnologico e la creatività. Per partecipare al bando non è necessario avere già costituito un'impresa, ma è necessario costituirla entro 30 giorni dalla ricezione della comunicazione di ammissione alle agevolazioni. Per queste imprese sono ammissibili esclusivamente i programmi di investimento di importo non superiore a € 400.000,00. Le imprese possono usufruire di un finanziamento agevolato, a tasso d’interesse pari a zero, in misura pari al massimo al 40% della spesa ammessa e della durata massima di otto anni di ammortamento, e di un contributo a fondo perduto, in misura pari al massimo al 40% della spesa ammessa. Per le imprese femminili, giovanili o in possesso del rating di legalità le agevolazioni possono arrivare al 45%.
37,8 milioni di euro per lo sviluppo delle imprese dell’industria culturale, turistica e manifatturiera. Le imprese devono essere costituite da non meno di trentasei mesi alla data di presentazione della domanda di agevolazione in forma societaria di capitali o di persone, comprese le società cooperative. Sono ammissibili alle agevolazioni esclusivamente i programmi di investimento di importo non superiore a € 500.000,00. Alle imprese possono essere concessi un finanziamento agevolato, a tasso d’interesse pari a zero, in misura pari al massimo al 60% della spesa ammessa,  elevabile al 65% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità e della durata massima di otto anni di ammortamento, e un contributo a fondo perduto, in misura pari al massimo al 20%  della spesa ammessa, elevabile al 25% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità.
27,4 milioni di euro per il sostegno alle imprese del terzo settore attive nell’industria culturale turistica e manifatturiera. Sono ammissibili alle agevolazioni esclusivamente i programmi di investimento di importo non superiore a € 400.000,00. Possono usufruire di un contributo a fondo perduto fino all’80% della spesa ammessa, elevabile al 90% in caso di impresa femminile, o impresa giovanile o in possesso del rating di legalità.

 
Le domande si possono presentare online dalle ore 12.00 del 15 settembre 2016 sul sito di Invitalia, compilando la domanda online e allegando il piano d’impresa.

Condividi

Lascia un commento